Skema

10 errori di marketing online e come evitarli

Si potrebbe facilmente scrivere un libro dedicato esclusivamente agli errori di marketing online (in realt?, anche pi? libri). In questo post, il nostro obiettivo sar? quello di aiutarvi ad evitare gli errori pi? comuni. Queste tesi possono venire applicate a qualsiasi tipo di marketing online: inbound o outboud, SEO, social, e-mail o pubblicit? a pagamento. L’obiettivo principale ? quello di aiutarvi a iniziare bene le vostre attivit? di marketing online. Ecco 10 errori di marketing online da evitare a ogni costo.

1. Non applicare marketing al sito web

Non possiamo dirvi quante volte abbiamo visto imprenditori molto intelligenti venire da noi con l’idea ingenua che quando un nuovo sito web va online, in qualche modo produrr? vantaggi commerciali magicamente da solo e i visitatori si affolleranno a milioni.
Oggi ci sono ben pi? di 1 miliardo di siti web su Internet. Quali sono le possibilit? che qualcuno inciampi nel vostro?
Proprio come le vendite aziendali si affievoliranno senza strategie di marketing, anche il sito avr? poco o nessun traffico senza di esse. Senza traffico, ? destinato a diventare un peso morto nell’universo digitale: non ci saranno visitatori, nessun contatto e nessuna vendita.
Indipendentemente dallo scopo o dall’obiettivo che vi siete posti di raggiungere, un’attivit? di marketing appropriata ? sempre la chiave del suo successo.
Obiettivo: capire che il marketing del vostro sito Web ? fondamentale per il suo successo.

2. Avere aspettative irrealistiche

Un altro problema comune che vediamo comunque apparire in molti piani di marketing applicati ai siti web ? che sono pervasi molto spesso da aspettative non realistiche. Le varie parti coinvolte, cio?, fissano obiettivi irrealistici sui rendimenti del marketing e sui tempi di tali ritorni.
Generalmente, questo deriva dalla presunzione che le iniziative online producano risultati immediati.
La sovrastima del coinvolgimento degli utenti pu? anche alterare le aspettative. Ad esempio, un cliente ci ha contattato di recente con un preciso obiettivo per il suo nuovo sito web: ottenere 500.000 utenti nel primo anno. Ma ecco subito il fraintendimento della realt? possibile: non voleva 500.000 visitatori, no: voleva mezzo milione di clienti paganti durante il primo anno dei attivit?.
Le persone pi? ragionevoli, anche quelle senza un livello di esperienza di marketing online, sapranno che questo non ? realistico. Certo, ci sono casi reali di successi eccezionali, ma sono quantomeno rari e spesso imprevedibili. Una persona d’affari non dovrebbe aspettarsi un successo ‘overnight’ per un sito web di start-up. Il marketing richiede un notevole investimento di denaro e tempo, con molto duro lavoro alle spalle. Non ci sono scorciatoie o trucchi.
Obiettivo: impostate? obiettivi ‘smart’ per il vostro sito web, che abbiano senso in base alle sue prestazioni correnti.

3. Impegnarsi in pratiche ‘al limite’

Avrete visto senza dubbio e-mail come queste: “Classificati tra i primi 10 di Google. Garantito”. Sembra allettante, vero? Una soluzione rapida affinch? il tuo sito web riceva molto traffico. Nemmeno dovete preoccuparvi di nulla.
Attenzione. Mentre ci sono molte aziende che offrono rispettabilmente attivit? SEO, ce ne sono altrettante (se non di pi?) che promettono risultati immediati. Pi? brave delle altre? Queste aziende impiegano, i cosiddetti metodi “black hat” che possono puntano ad “ingannare” il motore di ricerca per dare al vostro sito web una subitanea posizione migliore per determinate parole chiave.
Tuttavia, mentre potreste sperimentare un vantaggio nel breve, state giocando con il fuoco. Google spende milioni di dollari per combattere gli imbroglioni e questi vengono individuati velocemente. Sempre. Alla fine perderete: e venire penalizzati se non bannati da Google fa s? che la cosa diventi un problema estremamente difficile da risolvere e causi danni irreversibili ai vostri sforzi di marketing e alla reputazione del vosto sito cos?come della vostra azienda. Un errore da evitare assolutamente.
Obiettivo: usate solo tecniche SEO “white hat” legittime per promuovere il vostro sito web. Questa strategia richiede pi? tempo e maggiori costi, ma produrr? risultati stabili a lungo termine.

4. Marketing con obiettivo “chiunque”

La maggior parte delle aziende commette l’errore di concentrarsi esclusivamente sul numero di visitatori durante l’analisi del traffico verso il proprio sito web. Se il traffico ? in crescita, sono felici e faranno di tutto per portare pi? visitatori al sito, indipendentemente dal fatto che queste persone diventeranno clienti. In realt?, il vostro sito ha bisogno del traffico “giusto”. Avete bisogno di visitatori che possano venire convertiti in clienti. Quando ci riferiamo ai visitatori “giusti”, non intendiamo riferirci solo ai parametri demografici. Dovreste fare marketing in una nicchia, non in ambito genericamente demografico.
Obiettivo: concentrate gli sforzi di marketing sulle ‘Buyer Personas’ della vostra azienda, che dovrebbero basarsi sui vostri clienti di valore.

5. Non avere il giusto partner o strumenti adeguati

Il marketing online di oggi ? molto complesso. Ci sono cos? tanti fattori, componenti e complessit? da poter trascorrere un’intera vita solo per diventare esperto di un unico piccolo sottoinsieme. Il punto ? che non potete fare da soli. Non abbiamo mai incontrato nessuno che sia un esperto in tutti gli aspetti del marketing online e che eccella in ogni ramo, dal marketing sui motori di ricerca e dai social media all’e-mail marketing piuttosto che i PPC. Ci sono certamente esperti in pi? campi, ma gestiscono solo queste aree e contano su altre persone con diverse abilit? per completare il loro lavoro.
Lo stesso vale per gli strumenti. L’enorme quantit? di dati da elaborare e aggiornare su base giornaliera vi sommerger? facilmente. Ci sono una moltitudine di strumenti che possono aiutarvi ad automatizzare gli sforzi di marketing. Dovete coinvolgere il giusto partner di marketing per il vostro sito web e assicurarvi che sappia quello che sta facendo. Il partner di marketing ideale ha una storia professionale e pu? dimostrare risultati con la sua clientela storica. E naturalmente sa formare il team giusto ed il mix di strumenti corretti per farlo.
Soluzione: assumete un partner di marketing competente.

6. Sottovalutare i costi di marketing

? un malinteso comune che il marketing online sia gratuito. Anche se avete intenzione di concentrare i vostri sforzi su modalit? di marketing che non sostengono spese dirette per la pubblicit? (come l’ottimizzazione per i motori di ricerca), l’esperienza che produce risultati non ? mai a buon mercato. Spendere soldi su un sito web e non avere budget per il marketing ? come comprare un’auto e non avere soldi per il carburante. Preclude la necessit? stessa di disporre di un sito web. Anche se questo scenario potrebbe essere estremo, dovete comprendere che il marketing trasferito attraverso il vostro sito comporter? sempre dei costi. Raccomandiamo di impostare da subito un budget che copra il costo annuale delle sue spese. L’importo pu? variare a seconda degli obiettivi e dell’aggressivit? delle strategie selezionate, ma idealmente, dovrebbe aggirarsi tra il 20% e il 50% del costo del vostro sito web.
Obiettivo: bilanciate tra il 20% e il 50% del costo del tuo sito web per le vostre spese di marketing.

7. Affidarsi solo alla pubblicit? a pagamento

Ci? che funziona nella pubblicit? a pagamento (come i PPC nei risultati di ricerca o gli annunci a pagamento su altri siti Web o sui social media) ? che ? affidabile e normalmente produce risultati. ? anche il metodo pi? rapido da impiegare per ottenere il traffico giusto per il vostro sito web ed ? facile calcolarne il ROI (Return on Investment).
Per?, per quanto ci? sembri attraente per come suona, la pubblicit? a pagamento presenta anche alcuni noti svantaggi. Innanzitutto ? costosa e potreste trovare alternative spesso meno costose che producono un ROI perfino migliore a lungo termine. In secondo luogo, la pubblicit? a pagamento non ha benefici residui a lungo termine.
Ecco perch? non conviene mai fare affidamento sulla pubblicit? a pagamento come unica fonte di traffico. Dovreste invece investire in un mix di strategie, come il marketing inbound, che pu? includere SEO, social media ed e-mail.
? vero che alcuni di questi metodi di marketing richiedono tempo per iniziare a dare risultati apprezzabili. Tuttavia, questi risultati sono l? per rimanere, e raccoglierete benefici a lungo termine, in contrasto con le iniezioni fugaci e sporadiche di traffico offerte dalla pubblicit? a pagamento.
Nondimeno, come detto, la pubblicit? a pagamento ha il suo ruolo. E sicomme ci vorr? del tempo per aumentare i risultati degli altri vostri sforzi di marketing, la pubblicit? a pagamento pu? essere una soluzione iniziale e temporanea per l’immediato. Inoltre, se avete esaurito tutte le altre opzioni e disponete di fondi non utilizzati nel budget di marketing, gli annunci a pagamento possono rappresentare un investimento intelligente. Finch? mostra ROI, pu? essere una bella aggiunta al vostro piano di marketing.
Obiettivo: utilizzate una combinazione di marketing inbound e marketing a pagamento per promuovere il vostro sito web.

8. Non misurare i ritorni sul marketing

Trascurare di misurare i risultati di marketing ? uno dei peggiori peccati aziendali. Come potrete sapere se qualcosa sta funzionando se non state misurando i risultati? Eppure, molte aziende commettono questo errore. Spendono sporadicamente tempo e denaro in diverse forme di marketing e fintanto che il loro traffico rimane uguale o cresce, sono felici.
Implementare strategie di marketing alla cieca senza misurarne il ritorno sull’investimento ? un modo terribile di spendere i soldi dell’azienda. Significa? non averne il controllo. Insomma, state facendo affidamento sulla fortuna e – sostanzialmente – ‘scommettete’ i soldi anzich? investirli.
Parallelamente, un altro problema deriva dal fatto che la maggior parte delle aziende che misurano i risultati lo fanno in modo errato. Esaminano le cosiddette “metriche della vanit?”, come il traffico o i lead o le vendite complessive, senza una conoscenza approfondita di come le singole campagne di marketing contribuiscano a questi numeri.
Obiettivo: misura sempre il ritorno sull’investimento (ROI) delle tue iniziative di marketing.

9. Non avere un piano di marketing

Arriviamo al peccato capitale: non avere un piano di marketing. Averlo – infatti? – ? essenziale per il vostro sito web ed il successo dell’azienda. Prima di impegnare un singolo euro nel marketing del sito web, dovete stabilire un piano marketing di base.
Senza di essoo, farete girare gli ingranaggi della comunicazione bruciando risorse, ma ottenendo poca trazione. Non c’? nulla di peggio di un marketing sporadico senza la giusta strategia in atto. Impegnerete soldi e sforzi “qui e l?” senza rendervi conto dell’effetto che hanno. Peggio ancora, avrete ben poca o nessuna comprensione del fatto che le vostre azioni stiano producendo risultati. Questo approccio prosciugher? in breve il budget e vi far? solo perdere tempo. Al contrario, un piano di marketing adeguato vi aiuter? a dirigere le attivit? quotidiane, a guidare l’approccio, a misurare i successi e gli insuccessi e vi assicurer? di ottenere il massimo dalle risorse disponibili. Un piano di marketing che combina una pianificazione a lungo termine con un’esecuzione a breve termine aiuter? a prendere buone decisioni.
Obiettivo: prendetevi il ??tempo per mettere insieme un piano di marketing attuabile che sia adatto alla vostra attivit?.

10. Accampare scuse

Non siete ancora convinti che sia indispensabile avere di un piano di marketing per il sito web? Se no, avrete senza dubbio delle buone ragioni. Ma abbiamo una notizia da darvi: queste ragioni sono scuse. Non ci credete? Pensate che…

  • i piani di marketing sono per le grandi imprese, non per voi. Un’azienda di qualsiasi dimensione ha bisogno di un piano di marketing. Il piano di marketing ? una tabella di marcia per aumentare le vendite e far crescere l’impresa. Il sito web essere competitivo con aziende di tutte le dimensioni e avete bisogno di un piano per battere la concorrenza;
    ? i piani di marketing sono per le aziende, non per i siti web. Il sito web non ? uno strumento di business? Se il successo della vostra attivit? dipende (anche) dal sito web, perch? non estendere la stessa cura e considerazione ad esso?
    ? non avete il tempo di mettere insieme un piano. Se lo avete per il marketing, dovreste trovarlo anche per mettere insieme un piano per il web. In effetti, un buon piano di marketing far? risparmiare pi? e pi? volte. Soprattutto, diventerete molto pi? efficiente nei vostri sforzi di marketing. Il tempo inizialmente investito pagher? i dividendi in un secondo momento e successivamente regaler? anche tempo per dedicarsi a progetti aggiuntivi;
    ? volete essere flessibili e pernsate di non aver bisogno di un piano. Avere flessibilit? ? una grande cosa, ma, come fate a sapere quali opportunit? valgono la spesa e lo sforzo? Un piano di marketing vi aiuter? a prendere decisioni informate su ci? che ? meglio per la vostra azienda. Non perderete flessibilit?, ma troverete uno strumento per scoprire, analizzare e confrontare le opportunit?;
    ? non sapete come metterne insieme uno.

Obiettivo: contattateci!